Il check up della rete di teleriscaldamento? Lo si fa dal cielo!

Grazie all’ausilio di droni, il teleriscaldamento di Brescia sarà costantemente monitorato, consentendo interventi di manutenzione puntuali ed efficienti.

Suddivisa in otto zone, con oltre 670 chilometri di doppia tubazione, e 21.000 edifici allacciati, la rete del teleriscaldamento di Brescia raggiunge 130.000 abitanti per un totale di 42 milioni di m3 riscaldati e oltre 44.000 tonnellate di CO2 evitate ogni anno.

Comune di Brescia e A2A presentano l’attività di ispezione della rete di teleriscaldamento effettuata con termografia mediante l’impiego di droni
Brescia 17.02.2021 Ph Christian Penocchio

Prima rete avviata in Italia, Brescia vuole dominare la classifica anche nell’innovazione tecnologica e nell’efficienza. Da qualche mese è stata infatti avviata da A2A Calore e Servizi, che gestisce anche il teleriscaldamento del capoluogo lombardo, la fase di sperimentazione per l’utilizzo di un drone nell’ispezione della rete, che andrà ad affiancare le tecniche già in uso come la termografia a terra con automezzo, le prove di tenuta in pressione e i sistemi di misura estivi.

Grazie a questo innovativo ausilio si potranno ottenere termografie migliori e soprattutto controllare anche quelle parti difficilmente accessibili, consentendo una manutenzione puntuale ed efficiente.

Comune di Brescia e A2A presentano l’attività di ispezione della rete di teleriscaldamento effettuata con termografia mediante l’impiego di droni
Brescia 17.02.2021 Ph Christian Penocchio

L’uso del drone permetterà infatti di prevenire eventuali perdite di calore e individuare rapidamente i guasti, accelerando così le operazioni di ripristino del servizio a beneficio dell’intera comunità. Al fine di ridurre l’interferenza dovuta al traffico stradale e rendere quindi maggiormente distinguibili le anomalie termiche, il drone con la termocamera effettua queste riprese nelle ore serali o notturne, ad un’altezza di circa 65 metri dal suolo.

Svolta secondo le normative vigenti e in accordo con le autorità territoriali competenti, l’attività del drone riprende solo le immagini termiche e non acquisisce nessun elemento lesivo per la privacy. Ovviamente, questo innovativo e sofisticato controllo va ad affiancarsi alle altre modalità già in atto nell’ispezione quotidiana della rete.

Comune di Brescia e A2A presentano l’attività di ispezione della rete di teleriscaldamento effettuata con termografia mediante l’impiego di droni
Brescia 17.02.2021 Ph Christian Penocchio

“Non c’è una soluzione migliore – ha dichiarato Luca Rigoni, CEO di A2A Calore e Servizi – bisogna trovare il giusto mix per fornire un servizio che miri a garantire un’affidabilità dell’infrastruttura del 100 per cento”. Il drone che si occuperà di analizzare la rete bresciana al momento è già stato impiegato al Villaggio Sereno, Fornaci e Folzano, e ai primi di marzo sorvolerà anche il quartiere Abba; per poi estendere la sua missione in tutto il territorio cittadino.