||

Efficienza energetica e sostenibilità ambientale, la cogenerazione viene in aiuto all’industria

AB Holding installa un nuovo impianto di tri-cogenerazione nello stabilimento italiano della multinazionale Bolton Food, a Cermenate (Como)

Industria 4.0 e sostenibilità ambientale sono le sfide – ma anche le opportunità – che l’Italia, secondo Paese manufatturiero d’Europa, deve saper cogliere. In particolare Industria 4.0,  tema che è stato al centro del World Economic Forum 2016 a Davos (Svizzera), significa anche una gestione più flessibile del ciclo produttivo con l’utilizzo di quelle tecnologie che consentono di immagazzinare e utilizzare l’energia in modo mirato, razionalizzando i costi e ottimizzando le prestazioni. In una parola: efficienza energetica; resa ancora più significativa, non solo a livello industriale, dalla attuale crisi economica.

|||

Proprio per diminuire i consumi, ridimensionare l’impatto ambientale e impiegare energia in una triplice forma, la multinazionale Bolton Group ha scelto di installare un impianto di trigenerazione tecnologicamente avanzato nel proprio sito produttivo di Cermenate, vicino Como.  L’impianto progettato da AB Holding, leader mondiale nel settore della cogenerazione, è composto da un modulo cogeneratore e un modulo assorbitore; il primo è equipaggiato con un motore alimentato a gas naturale da 2.678 chilowatt in grado di erogare questa potenza con un rendimento del 46 per cento e immettere in atmosfera valori inferiori a 75 mg/Nm3 di NOx e 100 di CO. Il modulo assorbitore è in grado di utilizzare la potenza termica generata dal raffreddamento del cogeneratore per produrre acqua fredda. La potenza termica erogata è pari a 1.558 chilowatt e l’assorbitore è in grado di utilizzarla erogando una potenza frigorifera pari a 1.170 chilowatt a temperatura di 7 gradi centigradi.

Nello stabilimento di Cermenate viene consumata molta energia elettrica e termica, per tutta la fase di sterilizzazione dei prodotti; la soluzione della trigenerazione di AB ha permesso di sfruttare al meglio la parte termica dell’impianto. L’energia elettrica prodotta, infatti, viene in questo modo interamente autoconsumata, mentre il vapore è utilizzato durante la fase calda del processo di sterilizzazione; l’acqua fredda, prodotta dall’assorbitore, è usata per la fase di raffreddamento del ciclo di sterilizzazione.

“Il sistema di AB – ha dichiarato Gian Battista Regonesi, Director of Engineering di Bolton Food – ha permesso un buon risparmio dal punto di vista economico, ma contemporaneamente ha modificato il nostro footprint energetico facendoci risparmiare molta energia e abbassando notevolmente la CO2 immessa nell’ambiente, conciliando crescita economica, efficienza energetica e sostenibilità ambientale”.