|||

Economia circolare e teleriscaldamento: l’esempio di Lubiana

Nella capitale della Slovenia al via il nuovo progetto di economia circolare che prevede il riutilizzo nella rete esistente del calore in eccesso dal processo di produzione di una azienda farmaceutica.

Verrebbe da dire la scoperta dell’acqua calda… Riutilizzare calore che altrimenti verrebbe rilasciato nell’ambiente, il tutto rispettando l’ambiente in un’ottica di economia circolare. Peccato che ancora una volta l’esempio ci giunga da oltre confine.

Energetika Ljubljana, società che gestisce la più grande rete di teleriscaldamento in Slovenia fornendo calore a 64.700 edifici a Lubiana, ha stretto un accordo con la farmaceutica Lek, che fa parte di Novartis, per sfruttare il calore in eccesso che l’azienda non può più utilizzare nei suoi processi ma che, per la temperatura elevata mantenuta, può essere impiegato nel sistema di teleriscaldamento.

Il progetto, ideato nel 2018 e ora in funzione, permetterà una riduzione sia del consumo di carburante, contribuendo a una riduzione delle emissioni di CO2 di 1.000 tonnellate/anno, sia il consumo di acqua di entrambi i partner, per complessivi 50.000 metri cubi. Il calore di scarto, sotto forma di condensa di vapore, proviene dall’impianto prodotti solidi e sterili di Lek e la quantità di calore utilizzata consente a Energetika Ljubliana di riscaldare o fornire acqua calda sanitaria a circa 300 appartamenti.

||

Allo stesso tempo la società energetica slovena sta implementando un progetto pilota per sistemi di teleriscaldamento intelligenti a Lubiana, il cui obiettivo principale è l’inclusione di 4.500 sottostazioni di teleriscaldamento in un unico sistema informatico centrale, per ottimizzare la distribuzione del calore al fine di massimizzare l’efficienza ambientale ed economica, risparmiando così anche sull’elettricità grazie alla minore portata d’acqua nella rete. L’obiettivo a lungo termine è quello di utilizzare il sistema per abbassare di 20 °C le temperature di ritorno dell’acqua calda, generando un risparmio annuo di oltre un milione di euro.