centrale_Alessandria

Entro i prossimi 6 anni Alessandria sarà una città interamente teleriscaldabile

Approvato il piano di potenziamento e sviluppo della rete cittadina di Alessandria. Completato il progetto, sarà possibile spegnere oltre 700 caldaie condominiali e più di 67 mila utenti potranno avere accesso a calore pulito,beneficiando anche di un taglio dei costi della bolletta termica.

Alessandria punta a essere una città interamente servita dal teleriscaldamento: il piano è ambizioso e si completerà nei prossimi 6 anni. Telenergia (azienda appositamente costituita da EGEA e AMAG) ed Energy Wave (attiva nei servizi di efficientamento) hanno firmato un accordo per concretizzare un progetto di potenziamento e sviluppo dedicato alla qualità dell’ambiente e al taglio dei costi a carico dei cittadini per la climatizzazione invernale.

telerisca_tubazioni 1

In via San Giovanni Bosco – i cantieri sono già aperti – sorgerà la prima delle due centrali di cogenerazione alimentate a gas naturale e fonti rinnovabili, destinate a fornire il calore all’intera rete cittadina. Una volta completato, il progetto consentirà di coprire l’intera città di Alessandria, raggiungendo oltre 67 mila utenti e – fattore tutt’altro che trascurabile in chiave ambientale – dando la possibilità di spegnere oltre 700 singole caldaie condominiali. Il beneficio in termini economici per il singolo utente che si allaccerà al teleriscaldamento alessandrino è stato valutato in un taglio dei costi della bolletta termica compreso tra il 10 e il 15 per cento.

Nel 2014 EGEA ha posato i primi tubi e oggi il teleriscaldamento è una offerta consolidata per più di 6 mila alessandrini residenti nel quartiere Cristo. I positivi riscontri hanno convinto a replicare e ulteriormente migliorare questo modello, in un costruttivo dialogo con le espressioni più significative del territorio.