COME FA IL TELERISCALDAMENTO A RISCALDARE LA MIA CASA E L’ACQUA SANITARIA?

teleriscaldamento-riscaldareIl calore recuperato dalle diverse fonti è utilizzato per riscaldare l’acqua che, attraverso una rete di tubazioni stradali ben isolate, viene trasportata ai singoli edifici della città o del quartiere. In ciascun edificio (residenziale, pubblico, commerciale o industriale) la caldaia viene eliminata e sostituita da un semplice scambiatore di calore; l’impianto di istribuzione interna dell’edificio rimane inalterato.

Non c’è più caldaia, nè fiamma, nè camino. Con questo sistema è possibile estendere la fornitura di calore ad intere aree urbane, similmente a quanto avviene con l’acquedotto o con la rete elettrica cittadina.

CONVIENE ECONOMICAMENTE?
Il teleriscaldamento offre un servizio comodo, sicuro, efficiente, ecologico; evita costi secondari di manutenzione, tempi di sostituzione, rischi ed imprevisti connessi all’uso domestico delle caldaie a gas.
Questo ad un costo del servizio mediamente inferiore a quello del gas naturale.

I CLIENTI POSSONO REGOLARE LA TEMPERATURA NELLE LORO ABITAZIONI?
Sì, come è possibile con qualsiasi altro sistema di riscaldamento.
Nei moderni sistemi di teleriscaldamento esistono possibilità di regolazione della temperatura anche in ogni stanza, per esempio tramite l’uso di valvole termostatiche sui radiatori.
Inoltre, i moderni contatori o ripartitori assicurano che ogni cliente paghi solo il proprio effettivo consumo.

teleriscaldamento-termostato
Termostato per gestire il teleriscaldamento in casa